Onorificenze della Santa Sede

Procedure di Riconoscimento delle Onorificenze della Santa Sede

Cito testualmente la Presidenza del Consiglio dei Ministri che recita:

“Per quanto concerne l’uso delle onorificenze degli Ordini Equestri della Santa Sede e dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro, l’autorizzazione viene concessa a cittadini italiani con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e diploma di avvenuta autorizzazione a cura dell’ Ufficio onorificenze e araldica, previo invio da parte dell’interessato alla Prefettura della documentazione prevista  agli articoli 6 e 7 del dpcm del 28/01/2011
A seguito della avvenuta autorizzazione, il richiedente riceverà, tramite l’Ufficio Territoriale del Governo di residenza, un attestato in cui è trascritto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di autorizzazione.”

Quindi, Se il Vaticano rilascia un Cavalierato, questo deve essere riconosciuto previa presentazione alla Prefettura di specifica documentazione:
a) copia conforme del diploma di nomina (bollo da €16,00);
b) certificati di nascita e di cittadinanza italiana del richiedente (2 bolli da € 16,00 uno per ogni certificato).

A seguire, la Presidenza del Consiglio dei Ministri si contraddice e, cito testualmente ciò che recita in altra pagina:
“Per quanto riguarda le onorificenze degli Ordini equestri della Santa Sede e dell’Ordine equestre del Santo Sepolcro, i cittadini italiani che vogliono richiedere l’autorizzazione a fregiarsi di tali titoli sul territorio nazionale devono effettuare apposita domanda, in carta da bollo (€ 16,00), al Presidente del Consiglio dei Ministri, allegando copia conforme del diploma di nomina (bollo da € 16,00) e  Certificato di nascita e di Cittadinanza italiana (sempre in Bollo da € 16,00 cad.).”

Quindi c’è da andare in sofferenza per le sole marche da bollo!